wildfirezoviniBuon pomeriggio!! Oggi ho il piacere di intervistare la bravissima autrice Isabella Zovini!

Da quanto scrivi?

Ho cominciato a scrivere da piccola. Adoravo fare i temi a scuola e inventare storie di ogni genere, soprattutto di fantasia. Questa passione è nata anche grazie ai miei genitori che prima di andare a dormire mi raccontavano storie inventate da loro dove io, assieme a due topolini, ero sempre la protagonista. Una sera mi ritrovavo ad esplorare le piramidi d’Egitto alla ricerca di mummie, un’altra una nave pirata in mezzo ad una jungla, oppure a scavare gallerie di neve che portavano a luoghi incantati. Ho sempre amato leggere. I libri nella mia stanza non sono mai mancati. Ho sempre letto molto e lo faccio tutt’ora.

Quali letture preferisci? Ce n’è qualcuna che ti ha particolarmente ispirata?

Adoro i Fantasy sopra ogni cosa. La storia infinita, Il signore degli anelli, Le Cronache di Narnia, Twilight. Ma anche i romanzi d’avventura e i classici come Orgoglio e Pregiudizio e Jane Eyre. Ma il mio libro preferito rimane e rimarrà sempre Espiazione di Ian McEwan. E’ un autore che adoro per le sue fantastiche capacità descrittive. Il suo modo di scrivere mi ha decisamente influenzata e ispirata.

Cosa stai leggendo adesso?

In questo momento sono completamente assorbita dal mio libro. Sto per ultimare il secondo della trilogia e di tempo per leggere ne ho davvero poco. Ma ti posso dire l’ultimo che ho letto e che ho divorato in tre giorni. La ragazza del treno. Non riuscivo a metterlo giù!

Parlaci del tuo libro

J.Frost – Wildfire – è il primo episodio di una trilogia Urban Fantasy.

L’idea è nata dalla curiosità per questo personaggio così ancora poco conosciuto in Italia, famoso negli Stati Uniti, e tanto amato da me. Jack Frost, secondo credenze popolari, è il guardiano dell’inverno. C’è chi lo descrive come un vecchio dalla lunga barba, chi come un ragazzino dispettoso. Io gli ho dato una nuova identità.

Giovane e bello, volevo fortemente che si innamorasse perdutamente di una ragazza normale, ordinaria. Una ragazza come me e come tante altre. Indigo. Una ventenne che ha perso la sua famiglia in un tragico incidente d’auto.

La vicenda si snoda e si evolve in un piccolo paesino dell’Alaska di appena 876 abitanti. Talkeetna, che ho cercato di descrivere nel dettaglio per mantenerne l’autenticità.

E’ un romanzo molto descrittivo. Mi piace pensare che il lettore viva quello che sta vivendo il personaggio in questione. Le stesse emozioni, le stesse vicissitudini, gli stessi sentimenti. Che venga risucchiato completamente nel libro.

E’ una storia fresca, scorrevole, che – a detta dei lettori – ti tiene incollato fino all’ultima pagina. Una miscela di amore, coraggio, ribellione, speranza, meschinità.

La storia dell’ostinata ricerca della propria felicità, contro ogni ostacolo. Di un amore intenso, impossibile, forte. Unico. A volte ossessivo ma soprattutto raro.

Cosa significa la scrittura per te?

La scrittura per me è vita. E’ lo strumento con la quale esprimo i miei sentimenti, le mie paure, i miei sogni, le mie emozioni. In ogni parola c’è un pezzetto di me. E’ attraverso la scrittura che riesco a esprimermi meglio. E’ uno sfogo, un antistress. Il mondo perfetto nel quale rifugiarmi quando voglio staccare dalla vita reale. Ecco perché la scelta di scrivere Fantasy. Perché l’ordinario lo vivo già ogni giorno. Con J.Frost ho voluto sconfinare con l’immaginazione, la fantasia.

Scrivo principalmente per me stessa. L’ ho sempre fatto. Sin da bambina. Scrivo quello che mi piacerebbe leggere.

“Scrivo perché una sola vita non mi basta”.

Quali idee vuoi trasmettere al tuo pubblico?

Non scrivo mai nulla tanto per riempire una pagina. Ho dedicato questo libro a chi nella vita ha lottato e sta lottando per qualcosa o qualcuno. I miei protagonisti sono guerrieri, sono lottatori, che nonostante i problemi non si arrendono mai. Ognuno di noi sta combattendo una battaglia. Io per prima. Quello che voglio trasmettere e “insegnare” a chi legge, è di non mollare mai. Perché mollare è per i deboli. Qualunque ostacolo vi troviate davanti, che sia piccolo o insormontabile, l’importante è non arrendersi mai.

Parlaci dei tuoi personaggi. Li hai pensati ispirandoti a persone che conosci?

Alcuni dei miei personaggi sono lo specchio di me stessa. Indigo e Jack nascono dalle mie emozioni, da esperienze di vita, da situazioni facili come difficili. Il carattere di Indigo, sotto alcuni aspetti, rispecchia molto il mio. Rivive le mie stesse emozioni ma in situazioni diverse. E’ semplice. E’ determinata. Impulsiva. Una combattente che sa quello che vuole e che fa di tutto per prenderselo e tenerselo. E’ una guerriera nata. Coraggiosa (forse anche più coraggiosa di me) ma che rimugina troppo. Per aver perso tutto, è una ragazza molto forte ma spesso estremamente vulnerabile. Chi mi conosce bene può confermare quanto di me ci sia in lei.

Jack, dal fisico e di una bellezza disarmante, è il ragazzo che farebbe innamorare chiunque. Attraverso lui ho trasmesso la mia gelosia. La fedeltà, l’amore forte e incondizionato. Non a tutte può piacere il classico ragazzo perfetto (anche se sotto certi aspetti non lo è affatto). Il personaggio di Jack è sicuramente un’utopia. Non solo perché è palesemente un personaggio di fantasia ma perché al giorno d’oggi certi uomini non esistono, o se esistevano non esistono più. In un mondo dove le donne vengono uccise per gelosia, dove non si sentono protette, dove la loro figura è ormai strumentalizzata, ho voluto inventarne uno che fosse il contrario di tutto questo. Un uomo follemente innamorato della sua donna, super protettivo, fedele.

Io sono stata fortunata, ma so che tante vorrebbero un Jack Frost che le ami quanto lui ama Indigo.

Altri personaggi invece sono la combinazione di persone che conosco, di atteggiamenti che non sopporto, di gesti che amo. Altri, invece, sono esclusivamente frutto della mia immaginazione.

Chi è Isabella quando non scrive?

Isabella quando non scrive… Quando non scrivo faccio l’impiegata back office in un’azienda di schede elettroniche. Vivo con il mio fidanzato Fabio e i miei animali sulle sponde del Lago Maggiore. Oltre alla passione per la scrittura ho quella per la Falconeria. Frequento anche un corso di Krav Maga (difesa personale) che mi ha sicuramente aiutata ad avere più fiducia in me stessa e a tirare fuori ancora di più il carattere.

Sono un’eterna sognatrice. Una lottatrice che sa quello che vuole. Amica e compagna fedele.

Parlaci dei tuoi prossimi progetti!

Scrivere, scrivere, scrivere!!

Prima di tutto finire e pubblicare la trilogia completa di J.Frost. Ho già altre idee per nuovi libri, uno sulla linea Urban Fantasy, l’altro un drammatico. Quindi sentirete ancora parlare di me!

Il tuo sogno nel cassetto?

Fare di questa passione anche un lavoro vero e proprio. Dedicarmi totalmente alla scrittura. Ma il sogno più grande in assoluto sarebbe vedere i miei personaggi prendere vita, non solo sulla carta, ma sul grande schermo. Chissà, magari un giorno!!

Ecco il link del suo romanzo, ve lo consiglio!

https://www.amazon.it/dp/B01MSSQ7CI/ref=dp-kindle-redirect?_encoding=UTF8&btkr=1

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s